domenica 27 marzo 2016

Cerchio Sciamanico - LA GUARIGIONE SCIAMANICA - Metodo a distanza

Cerchio Sciamanico - LA GUARIGIONE SCIAMANICA  
Metodo a distanza


In questo cerchio andremo ad effettuare una guarigione utilizzando il metodo a distanza per aiutare la nipote di una nostra compagna di viaggio. La forza del Gruppo ci permetterà di incanalare le nostre energie individuali in un unico intento, rendendo la guarigione molto più potente. 

Il cerchio è a numero chiuso. 

Superati i 14 partecipanti non sarà più possibile aderire all'evento. Questo cerchio è rivolto a persone che hanno già esperienza nella pratica sciamanica. Chi desidera portare un amico può contattarci telefonicamente o via e-mail. 

Chi vuole partecipare può inviarmi la conferma via e-mail a info@ilviaggiosciamanico.it

Un abbraccio e un sorriso

Giosuè.

Tu credi nella vita dopo il parto?

Tu credi nella vita dopo il parto?


– Tu credi nella vita dopo il parto?
– Certo. Qualcosa deve esserci dopo il parto.
Forse siamo qui per prepararci per quello saremo più tardi.
– Sciocchezze! Non c’è una vita dopo il parto.
Come sarebbe quella vita?
– Non lo so, ma sicuramente… ci sarà più luce che qua.
Magari cammineremo con le nostre gambe e ci ciberemo dalla bocca.
- Ma è assurdo!
Camminare è impossibile.
E mangiare dalla bocca?
Ridicolo!
Il cordone ombelicale è la via d’alimentazione …
Ti dico una cosa: la vita dopo il parto è da escludere.
Il cordone ombelicale è troppo corto.
– Invece io credo che debba esserci qualcosa.
E forse sarà diverso da quello cui siamo abituati ad avere qui.
– Però nessuno è tornato dall’aldilà, dopo il parto. Il parto è la fine della vita.
E in fin dei conti, la vita non è altro che un’angosciante esistenza nel buio che ci porta al nulla.
– Beh, io non so esattamente come sarà dopo il parto, ma sicuramente vedremo la mamma e lei si prenderà cura di noi.
– Mamma?
Tu credi nella mamma?
E dove credi che sia lei ora?
– Dove?
Tutta intorno a noi!
E’ in lei e grazie a lei che viviamo. Senza di lei tutto questo mondo non esisterebbe.
– Eppure io non ci credo!
Non ho mai visto la mamma, per cui, è logico che non esista.
– Ok, ma a volte, quando siamo in silenzio, si riesce a sentirla o percepire come accarezza il nostro mondo.
Sai? …
Io penso che ci sia una vita reale che ci aspetta e che ora soltanto stiamo preparandoci per essa …
– Sarà ma io mi fido poco o nulla di quello che non vedo…

Benedizione dei Nativi Americani

Benedizione dei Nativi Americani


Che il sole ti porti nuova energia durante il giorno,
che la luna dolcemente ti rigeneri di notte,
che la pioggia ti lavi via le preoccupazioni,
che il vento soffi nuova forza nel tuo essere,
che tu possa camminare per il mondo e conoscere
la sua bellezza tutti i giorni della tua Vita.

Impariamo a ribellarci

Impariamo a ribellarci


Ci hanno fregato da piccoli, quando ci hanno insegnato a colorare dentro i margini.....
Impariamo a ribellarci, usciamo dagli schemi!!

Salvia Bianca

Sai cosa è la Salvia Bianca?


La Salvia Bianca (Salvia apiana) è un'incenso naturale usato dai Nativi Americani, e non solo, durante i rituali e le cerimonie.
Questo tipo di salvia cresce in zone calde e assolate e si trova prevalentemente sulle coste del sud della California, da Santa Barbara alla Baja Peninsula.
Secondo la tradizione sciamanica la Salvia Bianca è in grado di purificare il campo energetico delle persone, allontanare gli spiriti maligni e proteggere dalle energie negative degli altri.
La Salvia Bianca viene anche utilizzata per purificare i luoghi, poiché allontana gli spiriti indesiderati e purifica le energie degli ambienti.


La sensazione che si avverte, dopo aver briciato foglie di salvia, è un grande senso di pace. Il profumo che questa pianta rilascia negli ambienti ha qualcosa di veramente magico e spirituale.
Legate alla salvia bianca esistono diverse leggende. Una narra che ogni anno era usanza, in una tribù dei Nativi Americani, fare un'offerta alla Donna "Bisonte Bianco". Tutti portarono doni preziosi. Quando arrivò il turno di una donna povera, questa non aveva nulla da donare.
La donna allora raccolse alcune erbe che crescevano lungo il sentiero della sua casa e piena di fede e devozione le depose come offerta sull'altare. La sua devozione era così pura e sincera che le erbacce dall'aspetto secco ripresero vita colorandosi d'argento.
I Nativi Americani utilizzano la Salvia Bianca anche per ottenere un thé che sembra aiutare il corpo a depurarsi da qualsiasi malattia e a alleviare i sintomi della depressine.
La Salvia Bianca ha anche la caratteristica di favorire la trance sciamanica.

Proverbio Lakota

Proverbio Lakota


Non aver paura di esser solo.
Le aquile volano sole ... I piccioni volano in gruppo

L'Isola dei Sentimenti

L'Isola dei Sentimenti


C'era una volta un'isola dove vivevano tutti i sentimenti e i valori degli uomini: il buon umore, la tristezza, l'orgoglio... E tra gli altri, l'amore.
Un giorno venne annunciato ai sentimenti che l'isola stava per sprofondare e questi cominciarono in fretta e furia a preparare tutte le loro navi.
Solo l'amore volle aspettare fino all'ultimo. Quando l'isola fu sul punto di sprofondare l'amore decise di chiedere aiuto.
La ricchezza passò vicino all'amore su una nave lussuosissima e l'amore le chiese: "ricchezza mi porti con te?" - "Non posso - rispose la ricchezza - c'è molto oro e argento sulla mia nave e non c'è posto per te".
L'amore allora decise di chiedere aiuto all'orgoglio che stava passando su un magnifico e sontuoso vascello. "Orgoglio, ti prego mi porti con te?" - chiese l'amore - "Non posso aiutarti, amore, qui è tutto così perfetto e mi sento cosi bene, tu potresti rovinare tutto" - rispose l'orgoglio.
All'improvviso una voce disse: "vieni amore, ti prendo con me".
Era un vecchio che aveva parlato.
Quando arrivarono sulla terra ferma, il vecchio se ne andò senza dire il suo nome.
L'amore si rese conto di quanto gli dovesse, si rivolse al Sapere e chiese: "Sapere puoi dirmi chi mi ha aiutato?" - "E' stato il Tempo" - rispose il sapere.
"Perché il tempo mi ha aiutato?", chiese stupito l'amore.
"Perché solo il tempo è capace di comprendere quanto l'amore sia importante nella vita...", fu la risposta del Sapere.

Saggezza Indiani d'America

Saggezza Indiani d'America


Che il vento spazzi via le pietre della tua mente,
che la pioggia lavi i pensieri negativi della tua mente,
che il fuoco bruci i pregiudizi della tua anima
e che la terra ti faccia capire che non possiamo farle
violenza senza ferire anche noi stessi.
Sacerdote Sciamano
www.ilviaggiosciamanico.it

15 COSE CHE TI FARANNO RIFLETTERE ANCHE SOLO UN SECONDO

15 COSE CHE TI FARANNO RIFLETTERE ANCHE SOLO UN SECONDO


1) Almeno 5 persone al mondo ti amano così tanto che darebbero la vita per te.
2) Almeno 15 persone al mondo ti amano in qualche modo.
3) L'unica ragione per cui qualcuno ti potrebbe odiare è perché vuole essere come te.
4) Un tuo sorriso può portare gioia a chiunque anche se non gli piaci o non lo conosci.
5) Ogni notte qualcuno pensa a te prima di dormire.
6) Tu significhi tutto per qualcuno.
7) Qualcuno potrebbe non essere vivo se non fosse per te.
8) Sei speciale ed unico.
9) Qualcuno di cui ignori l'esistenza ti ama o ti vuole bene.
10) Anche quando fai il peggior errore possibile, ne scaturisce sempre qualcosa di buono.
11) Quando pensi che qualcuno ti abbia voltato le spalle, guardati in giro: è molto probabile che sia stato tu a voltare le spalle al mondo.
12) Se pensi di non avere possibilità di ottenere quello che vuoi, probabilmente non lo otterrai, ma se credi in te stesso probabilmente, presto o tardi, lo otterrai.
13) Ricorda sempre i complimenti ricevuti, dimentica i rimproveri.
14) Dì sempre agli altri quello che pensi di loro; ti sentirai molto meglio quando lo sapranno.
15) Se hai dei grandi amici, prenditi il tempo per faglielo sapere.


Meditazione in preparazione del corso

Meditazione in preparazione del corso

Meditazione prima della partenza della seconda giornata del Corso di Guarigione Sciamanica.... che un'altra giornata di magia abbia inizio.



Meditazione prima della partenza della seconda giornata del Corso di Guarigione Sciamanica.... che un'altra giornata di magia abbia inizio.www.ilviaggiosciamanico.it
Pubblicato da Il Viaggio Sciamanico su Domenica 20 marzo 2016

Sii Luce Splendente - Valerio Barsacchi

Sii Luce Splendente - Valerio Barsacchi


Se non ci riappropriamo della nostra luminosità, la vita può riempirsi solo si incertezza.
Quindi sii luce splendente.
Valerio Barsacchi
www.ilviaggiosciamanico.it


Wakan Tanka

Sai cos'è Wakan Tanka?


E' il modo in cui la tribù indiana dei Sioux chiamavano il Grande Spirito. Altre tribù utilizzavano anche altri nomi, per esempio i Navajo lo chiamavano Manitù.
Il Grande Spirito altro non è che la forza misteriosa che ha dato origine a tutto e a tutti, che ha creato ogni creatura vivente così come ogni elemento che ci circonda, dal vento che scatena le tempeste, al sole che può rallegrare una giornata o al mare che può abbattersi impetuoso sulle coste.
In termini diversi Wakan Tanka può essere considerato il centro sacro della vita, da dove ogni creatura e essere deve aspirare a ritornare dopo il passaggio su questa terra.
Per i Nativi Americani tutta la vita ha un valore sacro e spirituale perché tutto nella realtà rappresenta la manifestazione della spiritualità creatrice di Wakan Tanka.
Il capo Dan Evehema, guida spirituale degli Hopi, così descrisse il Grande Spirito:
"Per gli Hopi, il Grande Spirito è onnipotente. Egli ci ha insegnato come vivere, lavorare, dove andare e cosa mangiare; ci ha dato semi da piantare e coltivare. Ci ha dato una serie di tavole di pietra, nelle quali soffiò tutti i suoi insegnamenti, al fine di salvaguardare la sua terra e la vita. In quelle tavolette vi erano incisi istruzioni, profezie ed ammonimenti"



Non è necessario - Margherita Hack

Non è necessario - Margherita Hack


Non è necessario avere una religione per avere una morale. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. 

Margherita Hack
www.ilviaggiosciamanico.it

La storia del ponte......

La storia del ponte......


Questa è la storia di due fratelli che vissero insieme d'amore e d'accordo per molti anni.
Vivevano in cascine separate, ma un giorno scoppiò una forte lite fra loro e questo fu il primo problema serio che sorse dopo 40 anni in cui avevano coltivato insieme la terra condividendo le macchine e i vari attrezzi del mestiere, scambiandosi i raccolti e qualsiasi altra cosa.
Cominciò tutto con un piccolo malinteso e crebbe fino a che scoppiò un diverbio con uno scambio di parole amare e forti a cui seguirono settimane di silenzio.
Una mattina qualcuno bussò alla porta di Luigi. Quando aprì si trovò davanti un uomo con gli utensili da falegname: "Sto cercando un lavoro per qualche giorno", disse l'uomo, "forse qui ci può essere bisogno di qualche piccola riparazione nella fattoria e io potrei esserle utile per questo".
"Sì", disse il maggiore dei due fratelli, "ho un lavoro per lei. Guardi là, dall'altra parte del fiume, in quella fattoria vive il mio vicino, beh! In effetti è il mio fratello minore. La settimana scorsa c'era una splendida prateria tra noi, ma lui ha deviato il letto del fiume perché ci separasse. Deve aver fatto questo per farmi andare su tutte le furie, ma io gliene farò una ancora più grossa. Vede quella catasta di pezzi di legno vicino al granaio? Ebbene voglio che costruisca uno steccato di due metri circa di altezza, non voglio vederlo mai più". Il falegname rispose: "Mi sembra di capire benissimo la situazione".
Il fratello maggiore aiutò prima il falegname a riunire tutto il materiale necessario e una volta ultimato questo lavoro se ne andò fuori per tutta la giornata per fare delle commissioni in paese.
Verso sera, quando il fattore ritornò, il falegname aveva appena finito il suo lavoro. Il fattore rimase con gli occhi spalancati e con la bocca aperta.
Non c'era nessuno steccato di due metri. Invece c'era un ponte che univa le due fattorie sopra il fiume. Era una autentica opera d'arte, molto fine, con corrimano e tutto il resto.
In quel momento, il vicino, suo fratello minore, venne dalla sua fattoria e abbracciando il fratello maggiore gli disse: -"Sei un tipo veramente in gamba. Ma guarda! Hai costruito questo ponte meraviglioso dopo quello che io ti ho fatto e detto".
E così stavano facendo la pace i due fratelli, quando videro che il l'uomo prendeva i suoi arnesi. -No, no, aspetta. Rimani per alcuni giorni ancora, ho parecchi lavori per te, disse il fratello maggiore. "Mi fermerei volentieri", rispose lui, "ma ho parecchi ponti da costruire".
Molte volte lasciamo che malintesi e stizze ci allontanino dalla gente a cui vogliamo bene, perché lasciamo che sia l'orgoglio a prevalere sui nostri veri sentimenti.
- Non permettere che ciò succeda nella tua vita.
- Impara a perdonare e apprezza quanto hai. Ricorda che perdonare non cambia nulla del passato, ma del futuro sicuramente sì.
-Non conservare rancore né sentimenti di amarezza che ti feriscono,allontanandoti dalle persone che ti vogliono bene.
- Impara ad essere felice e a godere delle meraviglie che ci sono nel mondo. Perché tutti ci meritiamo una vita felice e piena di amore e armonia.
- Non permettere che un piccolo incidente rovini una grande amicizia o un grande amore.
- Ricorda che il silenzio, a volte, è la miglior risposta.
- Ciò che più importa è una casa felice. Fa' tutto quello che è nelle tue mani per creare un ambiente di pace e armonia.
- Ricorda che la miglior relazione è quella in cui l'amore tra due persone è più grande del bisogno che hanno l'una dell'altra.



mercoledì 16 marzo 2016

Bastone sciamanico e Bastone magico

Bastone sciamanico e Bastone magico

Bastone Sciamanico

Sai cosa è il bastone sciamanico o bastone magico?
Se ci pensi bene la figura di Sciamano e di Mago è spesso accompagnata ad un bastone, il bastone magico o sciamanico appunto.
Pensa a Mago Merlino, a Mosè, Odino, Nettuno, ecc... tutti questi personaggi sono sempre ritratti con il loro bastone magico.
Questo bastone principalmente ha lo scopo di imprigionare le correnti energetiche presenti in natura e invisibili all'occhio umano, correnti utilizzate principalmente nelle pratiche divinatorie o guaritrici.

Odino

Spesso per gli sciamani questo bastone diventa un vero e proprio strumento di potere, strumento che amplificherà notevolmente la loro connessione con gli spiriti aiutanti.
Le dimensioni e la forma di questo bastone, nonché il tipo di legno utilizzato, variano molto da sciamano a sciamano proprio perché è uno strumento estremamente personale.
Molti amano decorarlo effettuando intarsi di simboli esoterici e simboli sacri, altri applicando pietre e cristalli, altri ancora decorandolo utilizzando fili metallici che hanno lo scopo essendo conduttori di calore ed elettromagnetismo di trasmettere meglio le varie energie. Tutte queste decorazioni hanno comunque come scopo principale quello di potenziare il potere del bastone.

Mosè



martedì 15 marzo 2016

PIRITE - CRISTALLOTERAPIA

Le 10+1 cosa che sicuramente non sai sulla Pirite


1) Pirite significa "pietra focaia", perché se percossa sprigiona scintille. Nell'era della pietra era utilizzata infatti per accendere il fuoco.
2) Sempre in tempi passati si pensava che il suo interno fosse di fuoco. Questa pietra veniva utilizzata a fini terapeutici come una pietra in grado di riscaldare.
3) I greci utilizzavano la pirite come amuleto, gli Inca ne facevano degli specchi e nel Medioevo veniva confusa con l'oro ed era quindi chiamata "oro degli sciocchi o degli stolti" .
4) A livello fisico questa pietra consente di individuare le cause di una malattia permettendo la sua eliminazione. La Pirite svolge anche una forte azione antidolorifica.
5) La Pirite permette all'individuo di prendere coscienza della propria vera natura, mostrandogli sia i lati positivi che quelli negativi della propria indole. La Pirite rende più lucidi e in grado di affrontare ogni tipo di sfida.
6) Si dice che la Pirite aumenti sensibilmente le difese immunitarie e che sia di grande aiuto contro gli stati febbrili e in generale in tutte le infiammazioni.
7) La Pirite aiuta a superare e accettare i cambiamenti nella vita in modo da poter sopportare il dolore che spesso questi cambiamenti comportano.


8) La pirite ha la proprietà di catturare le energie della terra e del fuoco, e ciò ne fa uno strumento ottimale sia per bilanciare il chakra della radice, che per il bilanciamento e rafforzamento dell'Aura.
9) Questa pietra è fortemente consigliata a tutte quelle persone che giornalmente lavorano nel mondo degli affari, delle arti, o dell'istruzione perché stimola l'intelletto e aiuta a trasformare il pensiero in azione.
10) La Pirite deve essere tenuta a contatto diretto della pelle solamente per brevi periodi, poiché un suo impiego prolungato, specie se in presenza di sudore, potrebbe causare una reazione chimica irritante per la pelle e dannosa per il colore degli abiti. E' consigliabile quindi utilizzarla come pietra meditativa o porla in un luogo costantemente visibile per attingere al suo potere. E' sconsigliato dormirci insieme perché tendendo a conferire vitalità potrebbe interferire con il normale rilassamento necessario per addormentarsi.
10+1) Questo minerale non ama assolutamente l'acqua perché tende ad ossidare. Se bagnato è importantissimo asciugarlo tempestivamente e accuratamente. La Pirite può benissimo essere ricaricata riponendola su una lastra di shungite, su una famiglia di ametista o di cristallo di rocca. Può essere indicato anche un intervento di reiki, un bagno di sole a luce diretta o un bagno di luna.
Ovviamente è bene ricordare che le pietre e i cristalli non possano essere in alcun modo considerate un’alternativa alle consuete cure mediche. L'utilizzo di tali informazioni e' sotto la responsabilità, il controllo e la discrezione unica del lettore.


Arcangelo Gabriele - Sciamanesimo Angelico

Arcangelo Gabriele - Sciamanesimo Angelico


Chi sa effettuare il viaggio sciamanico angelico sa che incontrare l'Arcangelo Gabriele è una esperienza unica ed emozionante....
L'Arcangelo Gabriele governa il primo Cielo, Shamaym e la nona Sephirot dell'Albero della Vita, Yesod. Il suo nome significa "Dio è la mia Forza". Chiamato anche Signore della Luna, questo Arcangelo viene invocato per facilitare il concepimento di un bambino, proteggere il feto durante la gravidanza, portare armonia in famiglia e trovare l'anima gemella. La sua vibrazione divina agisce sull'amore, sulle emozioni, sui viaggi e sulle facoltà extrasensoriali.
L'Arcangelo Gabriele governa la direzione Ovest. Il suo elemento è l'acqua, il suo colore è il blu e il pianeta a lui associato è la Luna. Gabriele appare solitamente come un uomo sui trent'anni, con lunghi capelli castani, dolci occhi color miele e vestito con una tunica blu con finimenti in arancio. Gabriele tiene in mano una coppa, simbolo del potere di purificazione dell'acqua.
Associazioni e corrispondenze con l'Arcangelo Gabriele:
Elemento: Acqua
Metalli: Argento
Numero: 9
Colore: Blu
Animali Guida: tutti gli animali acquatici, cane, lupo, cervi e gufo.
Pietre: Pietra di Luna, perla, quarzo latteo e la selenite.
Spezie: Curcuma, noce moscata.
Incenso: canfora e mirra.
Fiori: Gigli bianchi, acanto, gigli d'acqua, iris chiari.
Alberi: Peri, Magnolia
Virtù: Sensibilità, atteggiamento materno, benevolenza
Professioni: Ostetrica, dottore, infermiera, insegnante, tata, ginecologo.
Tutte queste informazioni provengono dalla Cabala, la prima dottrina mistica ad aver studiato gli angeli e le loro virtù.

Corso Sciamanico per l'Accompagnamento dei Defunti

Corso Sciamanico per l'Accompagnamento dei Defunti
Milano 28-29 Maggio 2016


A questo corso avanzato possono accedere solo le persone che hanno già dimestichezza con la pratica sciamanica e che sanno effettuare il viaggio nella realtà non ordinaria. Questo percorso formativo insegna le tecniche di accompagnamento dei defunti e la purificazione degli ambienti.

I nostri corsi sono a numero chiuso per garantire a tutti i partecipanti la massima attenzione e dedizione.

Per partecipare all'evento è obbligatoria l'iscrizione tramite il nostro sito web:
www.ilviaggiosciamanico.it

Programma del Corso

- Lo Psicopompo e L'accompagnamento dei Defunti
- La morte e il morire secondo la tradizione sciamanica
- incontro con il proprio animale Psicopompo
- Viaggio nel Regno delle Anime Eterne
- L'accompagnamento dei defunti mediante il Viaggio Sciamanico

La Purificazione degli Ambienti

- Esplorare gli ambienti mediante il Viaggio Sciamanico
- Come si mostrano le energie nocive
- Metodi per la purificazione degli ambienti
- Accompagnamento dei defunti nella purificazione dei luoghi

Per informazioni: 347 5435889
Email:
info@ilviaggiosciamanico.it

Per partecipare all'evento è obbligatoria l'iscrizione tramite il nostro sito web:
www.ilviaggiosciamanico.it



lunedì 14 marzo 2016

Saggezza Nativi Americani

Saggezza Nativi Americani


Dovremmo permettere ai bambini di usare la loro fantasia, di lasciare che le loro menti corrano ad immaginare cose che potrebbero esistere e cose che non sono mai esistite. La fantasia ci permette di vedere oltre lo schema delle cose. Una mente libera da pregiudizi può scoprire molto di più e con molto anticipo. Torna a riprenderti quella fantasia alla quale non hai mai permesso di svilupparsi. Dalle la libertà di riesaminare le tue motivazioni, i tuoi sentimenti , il tuo cuore. Essa ti rivelerà gioie e scopi e saprà rimettere ordine nelle cose sbagliate. Non ci sono spazi grigi nella fantasia, né lacrime , né perdite, poiché questo è lo scopo della fantasia, rimuovere, guarire e lasciar andare.
Joyce Sequichie Hifler , Cherokee
www.ilviaggiosciamanico.it



E’ colpa di mio padre!

E’ colpa di mio padre!


Due fratelli gemelli, un giorno, fecero visita ad un Guru.
Uno dei due era uno scapestrato, beveva, fumava, rubava ed era molto aggressivo ed egoista. Il secondo era buono, aveva una posizione agiata, aveva adottato tre bambini orfani ed era un gran lavoratore.
Il Guru rimase stupito della differenza tra i due, così domandò al primo:
“Come mai sei diventato tanto sfaccendato e privo di entusiasmo e di risorse? Cosa ti ha ridotto in quel modo?”
Il ragazzo rispose: “E’ colpa di mio padre! Beveva, fumava, ci picchiava, rubava e pensava solo a se stesso. Così io sono diventato come lui!”
Il Guru rimase ancor più sorpreso. Si domandava, tra sè e sè, come mai l’altro fratello gemello, pur essendo vissuto nella stessa famiglia, fosse diventato l’esatto opposto, così glielo chiese:
“E tu? Come mai sei diventato tanto abile negli affari e buono di cuore?”
Il ragazzo rispose: “E’ merito di mio padre! Lui era egoista, soffriva e creava sofferenza intorno a se stesso. Allora fin da piccolo promisi a me stesso che non sarei mai diventato come lui, e che avrei agito in modo totalmente contrario”.
Il Guru sorrise benevolo, pensando che ogni situazione della vita, per quanto critica possa essere, può sempre venir letta in due modi differenti.
Sta a noi riuscire a leggere nel modo che è più conveniente per tutti.

PAGINA YOU TUBE

PAGINA YOU TUBE

Oltre alla pagina ufficiale Facebook del "Il Viaggio Sciamanico" e il blog abbiamo anche una nostra pagina You Tube.
Se vuoi sempre essere aggiornato sui nostri video non devi fare altro che iscriverti al canale.......

I 18 CONSIGLI E PRINCIPI DI VITA PER LA FELICITA'

I 18 CONSIGLI E PRINCIPI DI VITA PER LA FELICITA'

secondo il Dalai Lama


1) Tieni sempre contro del fatto che un grande amore e dei grandi risultati comportano un grande rischio.
2) Quando perdi, non perdere la lezione.
3) Segui sempre le tre “R”: Rispetto per te stesso, Rispetto per gli altri, Responsabilità per le tue azioni.
4) Ricorda che non ottenere quel che si vuole può essere talvolta un meraviglioso colpo di fortuna.
5) Impara le regole, affinché tu possa infrangerle nel modo appropriato.
6) Non permettere che una piccola disputa danneggi una grande amicizia.
7) Quando ti accorgi di aver commesso un errore, fai immediatamente qualcosa per correggerlo.
8) Trascorri un po’ di tempo da solo ogni giorno.
9) Apri le braccia al cambiamento, ma non lasciar andare i tuoi valori.
10) Ricorda che talvolta il silenzio è la migliore risposta.
11) Vivi una buona, onorevole vita, di modo che, quando ci ripenserai da vecchio, potrai godertela una seconda volta.
12) Un’atmosfera amorevole nella tua casa deve essere il fondamento della tua vita.
13) Quando ti trovi in disaccordo con le persone a te care, affronta soltanto il problema attuale, senza tirare in ballo il passato.
14) Condividi la tua conoscenza. È un modo per raggiungere l’immortalità.
15) Sii gentile con la Terra.
16) Almeno una volta l’anno, vai in un posto dove non sei stato prima.
17) Ricorda che il miglior rapporto è quello in cui ci si ama di più di quanto si abbia bisogno l’uno dell’altro.
18) Giudica il tuo successo in relazione a ciò a cui hai dovuto rinunciare per ottenerlo.
Spero che aver letto questi 18 punti possa avervi dato un buono spunto di riflessione su cosa potresti fare in più per migliorare la tua felicità e quella di chi ti sta intorno.....

domenica 13 marzo 2016

Angeli, Arcangeli e Sciamanesimo

Angeli, Arcangeli e Sciamanesimo

Intervista a Giosuè Stavros


Lo Sciamanesimo Angelico è una disciplina che consente a chi la pratica di contattare il proprio Angelo Custode e gli Arcangeli Maestri, per ricevere protezione, guida e guarigione spirituale. Lo Sciamanesimo Angelico utilizza delle sonorità ipnotiche per indurre uno stato di trance e raggiungere uno stato espanso di coscienza. La trance sciamanica consente una rivelazione diretta con le entità angeliche.

La pratica dello Sciamanesimo Angelico ci permette di attingere al potere illimitato degli Arcangeli per ritrovare l'armonia, il benessere e la gioia di vivere. Il potere personale che si riesce ad acquisire mediante la pratica non ha euguali, i sensi si amplificano, così come le nostre facoltà mentali. Questo metodo semplice e immediato espande la nostra percezione e ci permette di attingere allo sconfinato potere dello Spirito ed entrare in comunione con l'Universo.




Non sai ancora effettuare il "viaggio sciamanico"?

Non sai ancora effettuare il "viaggio sciamanico"?


Ti spieghiamo un semplice metodo alternativo per provare a metterti in contatto con lo spirito di un albero.
Come prima cosa scegliete un albero che vi attiri.
Mettetevi accanto a lui.
Provate a tenere il palmo della mano a circa cinque centimetri dalla sua corteccia.
A questo punto cercate di espandere la vostra coscienza. Se siete persone particolarmente sensibili dovreste già iniziare a percepire un po' di energia provenire dalla pianta.
Dopo provate ad avvicinare la mano fino a toccare la corteccia.
Abbandonatevi completamente a tutte le sensazioni tattili, provate anche ad annusare l'albero, prima da lontano e poi sempre più da vicino.
Vi consigliamo a questo punto di chiudere completamente gli occhi e di ascoltare i suoni che sicuramente lui produrrà in risposta all'ambiente.


Una volta fatto questo osservatelo attentamente e cercate di notare se qualcosa è cambiato, magari la sua consistenza, il colore delle foglie o le venature del tronco.
Adesso abbracciate l'albero e con il potere del cuore provate ad ascoltarlo mettendovi in comunicazione con lui.
A poco a poco dovreste percepire tutti i cambiamenti energetici dell'albero.
L'albero potrebbe a questo punto raccontarvi la sua lunghissima storia sul nostro pianeta, tutti gli avvenimenti ai quali avrà assistito e tutto ciò che negli anni ha vissuto.
Anche voi potete comunicare direttamente con lui inviandogli amore universale, un linguaggio che tutti gli elementi di questa terra sono in grado di comprendere e percepire. L'albero irradiato dal vostro amore cambierà ulteriormente vibrazione rimandandovi indietro ancora più amore.
Ripetete questo esercizio con vari tipi di alberi in modo da confrontare le esperienze fatte, le somiglianze riscontate, tutte informazioni necessarie ad espandere la vostra percezione, strumento utile e necessario per attingere allo sconfinato potere dello Spirito.
Dimenticavamo, durante questo esercizio potreste notare sull'albero o nelle sue vicinanze alcuni spiriti degli elementi, non vi preoccupate è normalissimo, tutto il nostro pianete è pieno di questi spiriti, tocca solo a noi cercare la chiave per vederli.



lunedì 7 marzo 2016

Cerchio Sciamanico - CABALA E SCIAMANESIMO - Alla scoperta dell'Albero della Vita

Cerchio Sciamanico - CABALA E SCIAMANESIMO  

Alla scoperta dell'Albero della Vita


In questo cerchio andremo a scoprire l'antica saggezza dell'Albero della Vita e faremo un viaggio per esplorare i regni invisibili racchiusi al suo interno.

Il cerchio è a numero chiuso. 

Superati i 14 partecipanti non sarà più possibile aderire all'evento. Questo cerchio è rivolto a persone che hanno già esperienza nella pratica sciamanica. Chi desidera portare un amico può contattarci telefonicamente o via e-mail. 

Chi vuole partecipare può inviarmi la conferma via e-mail a info@ilviaggiosciamanico.it

Un abbraccio e un sorriso

Giosuè.




Le grandi cose.....

Le grandi cose.....


Se un uovo viene rotto da una forza esterna,
la vita finisce.
Se viene rotto da una forza interna,
la vita inizia.
Le GRANDI cose iniziano sempre da DENTRO.

sabato 5 marzo 2016

Segni Zodiacali Indiani d'America

Segni Zodiacali Indiani d'America


A differenza dell'astrologia occidentale, quella degli Indiani d'America basa sulla terra e su tutte le creature che la popolano i vari segni zodiacali, invece che sui pianeti e le stelle.

Nella nostra astrologia i segni sonno raggruppato nei 4 elementi:
Acqua - Terra - Fuoco - Aria

Nell'astrologia degli Indiani d'America, i segni zodiacali sono invece raggruppati in:
Tartaruga - Farfalla - Uccello di Fuoco - Rospo

Segni Zodiacali:

22 Dicembre - 20 Gennaio 
Capricorno - Oca Polare

21 Gennaio - 20 Febbraio 
Acquario - Lontra

21 Febbraio - 20 Marzo
Pesci - Puma

21 Marzo - 20 Aprile
Ariete - Falco Rosso

21 Aprile - 20 Maggio
Toro - Castoro

21 Maggio - 20 Giugno 
Gemelli - Cervo

21 Giugno - 22 Luglio
Cancro - Picchio

23 Luglio - 22 Agosto
Leone - Storione

23 Agosto - 22 Settembre 
Vergine - Orso

23 Settembre - 22 Ottobre 
Bilancia - Corvo

23 Ottobre - 21 Novembre
Scorpione - Serpente

22 Novembre - 21 Dicembre
Sagittario - Alce




Arcangelo Michele - Sciamanesimo Angelico

Arcangelo Michele - Sciamanesimo Angelico


L'Arcangelo Michele governa il quarto Cielo, Machen e la sesta Sephirot dell'Albero della Vita, Tiferet.
Il suo nome significa "Colui che somiglia a Dio". Chiamato anche Principe della Luce, questo Arcangelo viene invocato per eliminare le energie negative, sconfiggere i nemici e difenderci dai loro attacchi.
La sua vibrazione divina agisce sulla vitalità, sui problemi governativi, sulla ricchezza, sulla fama e sull'immagine pubblica.
L'Arcangelo Michele governa la direzione Sud.
Il suo elemento è il fuoco, il suo colore è il rosso e il pianeta a lui associato è il Sole.
Il Principe della Luce appare solitamente come un giovane dagli occhi color verde smeraldo, riccioli rossi lunghi fino alle spalle e vestito con una tunica rossa con finimenti in verde.
Michele impugna sempre una spada dalla lama fiammeggiante, simbolo del potere di trasmutazione del fuoco.
Associazioni e corrispondenze con l'Arcangelo Michele:
Elemento: Fuoco
Metalli: Oro
Numero: 6
Colore: Rosso
Animali Guida: tutti i felini, il falco, l'unicorno e la fenice
Pietre: Quarzo citrino, diamante, pirite, rubino e occhio di tigre
Spezie: Cannella, chiodi di garofano, pepe nero o bianco, zenzero, zafferano
Incenso: copale e franchincenso
Fiori: Peonia, girasole, passiflora e ciclamino
Alberi: Noce, frassino, limone, alloro, ginepro
Virtù: Vitalità, organizzazione, potere
Professioni: Personalità dominanti in tutte le professioni
Tutte queste informazioni provengono dalla Cabala, la prima dottrina mistica ad aver studiato gli angeli e le loro virtù.
Chi è in grado di effettuare il viaggio sciamanico angelico avrà l'opportunità di incontrare direttamente i vari Arcangeli ed instaurare con loro un contatto diretto.

Il Bicchiere d'Acqua

Il Bicchiere d'Acqua


Siamo all'Università di Berkley, in California. Un professore della Facoltà di Psicologia fa il suo ingresso in aula, come ogni martedì. Il corso è uno dei più gremiti e decine di studenti parlano del più e del meno prima dell'inizio della lezione.
Il professore arriva con il classico quarto d'ora accademico di ritardo, tutto sembra nella norma, ad eccezione di un piccolo particolare: il prof. ha in mano un bicchiere d'acqua.
Nessuno nota questo dettaglio finché il professore, sempre con il bicchiere d'acqua in mano, inizia a girovagare tra i banchi dell'aula, in silenzio.
Gli studenti si scambiano sguardi divertiti, ma non particolarmente sorpresi. Sembrano dirsi: "Eccoci qua: oggi la lezione riguarderà sicuramente l'ottimismo. Il prof. ci chiederà se il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto. Alcuni diranno che è mezzo pieno. Altri diranno che è mezzo vuoto. I nerd diranno che è completamente pieno: per metà d'acqua e per l'altra metà d'aria! Tutto così scontato!".
Il professore invece si ferma e domanda ai suoi studenti: "Secondo voi quanto pesa questo bicchiere d'acqua?".
Gli studenti sembrano un po' spiazzati da questa domanda, ma in molti rispondono: il bicchiere ha certamente un peso compreso tra i 200 e i 300 grammi.
Il professore aspetta che tutti gli studenti abbiano risposto e poi propone il suo punto di vista: "Il peso assoluto del bicchiere d'acqua è irrilevante. Ciò che conta davvero è per quanto tempo lo tenete sollevato".
Felice di aver catturato l'attenzione dei suoi studenti, il professore continua: "Sollevatelo per un minuto e non avrete problemi, sollevatelo per un'ora e vi ritroverete un braccio dolorante, infine sollevatelo per un'intera giornata e vi ritroverete un braccio paralizzato".
Gli studenti continuano ad ascoltare attentamente il loro professore di psicologia: "In ognuno di questi tre casi il peso del bicchiere non è cambiato. Eppure, più il tempo passa, più il bicchiere sembra diventare pesante. Lo stress e le preoccupazioni sono come questo bicchiere d'acqua. Piccole o grandi che siano, ciò che conta è quanto tempo dedichiamo loro. Se gli dedichiamo il tempo minimo indispensabile, la nostra mente non ne risentirà. Se iniziamo a pensarci più volte durante la giornata, la nostra mente inizierà ad essere stanca e nervosa. Se invece pensiamo continuamente alle nostre preoccupazioni, la nostra mente si paralizzerà completamente."
Il professore quindi capisce di avere la completa attenzione dei suoi studenti e decide di concludere il suo ragionamento:
"Per ritrovare la serenità dovete imparare a lasciare andare lo stress e le preoccupazioni. Dovete imparare a dedicare loro il minor tempo possibile, focalizzando l'attenzione su ciò che volete e non su ciò che non volete. Imparate a mettere giù il bicchiere d'acqua e sarete più felici.


mercoledì 2 marzo 2016

Per voi uomini bianchi......

Per voi uomini bianchi......


Per voi uomini bianchi il Paradiso è in cielo; 
per noi, il Paradiso è la Terra. 
Quando ci avete rubato la Terra, ci avete rubato il Paradiso.

Piccola Foglia